giovedì 11 marzo 2010

Cartelli non sessisti sulle piste ciclabili di Pisa?

Abbiamo scritto all'assessore di Pisa David Gay ed al Sindaco Filippeschi in merito alla richieste di utilizzare cartelli non sessisti sulle nuove piste ciclabili della città: ci risponderanno???

Buonasera,

Abbiamo appreso dalla stampa che si intende allungare l’attuale percorso delle piste ciclabili di Pisa e questa ci sembra un'iniziativa di tutto rilievo e di fondamentale importanza per rendere la città piu' piacevole e vivibile.

Ma Vi chiediamo: piste ciclabili riservate ai soli uomini?

Le attuali piste ciclabili sono indicate da tre diversi tipi di cartelli blu tutti e tre raffiguranti un uomo ( inequivocabilmente un uomo ) con una bicicletta da uomo ( inequivocabilmente da uomo ) Anche per terra lungo il percorso è dipinta in giallo una bicicletta da uomo.

E’ prevista una multa per le donne che transitano sulle piste ciclabili degli uomini?

Il linguaggio, e il modo in cui lo usiamo, è il principale mezzo di espressione del pregiudizio e della discriminazione. Non soltanto riflette e tiene in vita ogni pratica e valore discriminatorio della nostra società, ma perpetua idee erronee e stereotipi. E questo è vero per il linguaggio scritto, quello parlato ma anche quello visivo.

Per questo vi chiediamo di porvi il problema di evitare il perpetuarsi di questa ennesima discriminazione sessuale.

Anche se a Pisa le donne fossero soltanto mille sarebbe comunque una discriminazione ma oltretutto a Pisa le donne sono la maggioranza della popolazione ( 46.000donne-41.000uomini).

Inoltre Pisa è già un'avanguardia tra i comuni Italiani in merito ad una riflessione su questo tema, infatti all'articolo 3 comma 12 lo statuto recita: "In tutti gli atti del comune si deve utilizzare un linguaggio non discriminante. In particolare sono espresse al femminile le denominazioni degli incarichi e delle funzioni amministrative del comune ricoperte da donne"

Perchè non cercare di realizzare questo proposito negli atti scritti ma anche per le strade della città, diventando un esempio di civiltà per tutti i comuni italiani?

Vi invitiamo a visitare il nostro blog per avere altre informazioni sul nostro gruppo e le nostre iniziative e vi anticipiamo che pubblicheremo la presente lettera sul blog e la invieremo a Pisanotizie sperando in un Vostro cortese e positivo riscontro.

Cordiali saluti

1 commento:

  1. Le donne possono utilizzare le piste ciclabili, a patto che siano vestite da uomo, siano pelate ed utilizzino biciclette da uomo. Inoltre, stando alla figura che c'è sul cartello, devono essere dipinte completamente di bianco (come la statua vivente che ogni tanto c'è in Corso Italia) ed in ogni caso la prescrizione si applica solamente nelle giornate in cui il cielo è di colore blu intenso.

    Non vi dico che macello bisogna fare quando trovate un cartello di preavviso di passaggio pedonale...

    Buona domenica!

    RispondiElimina