giovedì 13 aprile 2017

10/04/2017 Linguaggio di genere in tutti i regolamenti del Comune di Firenze

Approvata deliberazione presentato dal gruppo Firenze Riparte a Sinistra
Il Consiglio comunale ha approvato oggi, con 27 voti a favore e 2 contrari (a favore: FRS, PD, MDP, La Scaletti - Firenze Viva, Cinque Stelle, Misto; Contrari: Forza Italia), la deliberazione di modifica dello Statuto proposta dal Gruppo consiliare di Firenze Riparte a Sinistra (Donella Verdi, Tommaso Grassi e Giacomo Trombi), atto che introduce il linguaggio di genere in ogni nuovo regolamento e l'adeguamento degli altri al momento in cui si introduca qualunque modifica.
Questa delibera – spiega la consigliera di Firenze riparte a sinistra Donella Verdi – ha l'intento di dare seguito, come già  fatto in fase di riscrittura del Regolamento del Consiglio comunale, al prezioso lavoro sulla parità di genere fatto nella precedente consiliatura per volontà del Comitato e Commissione per le Pari Opportunità.
Un lavoro che ha portato all'adozione delle "Linee Guida per l'uso del genere nel linguaggio amministrativo", anche grazie alla fondamentale collaborazione dell'Accademia della Crusca, che la nostra Città  ha l'onore di ospitare, dell'Università di Firenze e Modena e della Professoressa, esperta linguista, Cecilia Robustelli.
Si tratta del primo progetto di questo genere in Italia e offre un concreto punto di riferimento per l'adeguamento del linguaggio di genere nei testi dell'amministrazione pubblica, con lo scopo di adottare un linguaggio non discriminante, che valorizzi la presenza e il riconoscimento delle donne e che garantisca un linguaggio rispettoso dell'identità di genere, ma mantenendo allo stesso tempo la chiarezza dei testi.
E' un ulteriore fondamentale passo per uscire dalla parità  come omologazione al modello maschile, nonostante che le donne ricoprano, ormai, ogni genere di carica, istituzionale e professionale, ma restando troppo spesso nascoste in un linguaggio grammaticalmente tutto al maschile, che di fatto le rende invisibili.Nonostante tutto questo lavoro, però, sono ancora forti le resistenze ad adattare il linguaggio alla nuova realtà  sociale e si continua a definire le donne grammaticalmente al maschile: una donna può essere "incinta" ma resta sempre "ministro". Si dice che ci sono argomenti più importanti per cui le donne dovrebbero battersi o c'è chi lamenta la bruttezza delle declinazioni. Eppure maestra, infermiera, cuoca, modella, lavandaia, commessa, segretaria non suscitano stupore, ma son certa che creerebbe molto stupore dire "sindaca" o "ministra" rivolgendosi a un uomo. E quindi si tratta non di una ragione linguistica, ma una ragione di tipo culturale.
E' necessario, come ci sta indicando l'Accademia della Crusca – conclude la consigliera di Firenze riparte a Sinistra Donella Verdi – andare incontro anche a questo necessario cambiamento culturale attraverso l'evoluzione della lingua. Perché un uso della lingua italiana consapevole non è elemento secondario al raggiungimento dei diritti e alle grandi battaglie, ma ne è parte essenziale, perché contribuisce a rappresentare con le nostre parole il riconoscimento pieno delle donne nella società  e nella cittadinanza. (s.spa.)

Nessun commento:

Posta un commento