martedì 2 giugno 2009

Segnaletica stradale italiana a Pisa







GUARDIAMOCI INTORNO..

4 commenti:

  1. No, scusate, qua si scade nel politically correct più formalista e bieco: soprattutto oggi che la maggioranza delle donne indossa pantaloni come si può sostenere che gli omini raffigurati siano dei maschi? Sono generiche figure umane asessuate (unica eccezione i bagni dove la donna è indicata dalla gonna perchè lì il sesso conta. Tra l'altro la gonna per indicare la donna io ho sempre trovato che fosse uno stereotipo di sapore vittoriano)

    RispondiElimina
  2. non so se ho capito bene: i cartelli sarebbero sessisti perché rappresentano una figura che si presume maschile?
    E da cosa si presume che sia un maschio? dal fatto che non ha una gonna, siamo sicur* che la rappresentazione delle donne come quelle che portano la gonna sia quello che vogliamo? Il problema credo stia nel fatto che quello che vediamo di solito è un maschio perché quando si deve rappresentare una donna (di solito ci si riferisce alla toilette) si usa la figura con la gonna, e credo che quella sia la segnaletica che definisce il linguaggio visivo sessista.

    RispondiElimina
  3. non vogliamo donne con le gonne, la polemica è inutile, ma le figure nei cartelli sono figure maschili: provate a chiedere ad un bambino qualunque o ad una persona per la strada.
    Per di piu' la bici raffigurata è senza dubbio da uomo (ed è ovvio che la possano guidare le donne).
    Sono ben accetti suggerimenti per provare a creare un'immagine neutra, stavolta VERAMENTE neutra, da proporre a chi governa.

    RispondiElimina
  4. Scusi, ma ritengo che in questo caso sia una questione di cultura, non del cartello. La bici puo' essere benissimo una mountain bike, se e' per questo. Mi sembra che lei abbia deciso che "E' chiaramente un uomo, perche' IO penso che sia un uomo."
    Una figura piu' neutra sinceramente non credo sia possibile vederla, quella personcina rappresenta il MINIMO possibile a cui e' possibile ascrivere un essere umano riconoscibile, due braccia, due gambe ed una testa.
    Vi invito a cercare "Arecibo Message" per vedere il primo messaggio mandato intenzionalmente nello spazio, rappresentante un essere umano. Secondo voi e' sessista la rappresentazione umana in quel caso? Eppure quella rozza figura umana non ha niente di diverso da quella dei cartelli.

    RispondiElimina